I detersivi e detergenti disinfettanti, che si usano per sanificare, si dividono in quattro grandi famiglie, sono le quattro molecole fondamentali con le quali uccidiamo virus, batteri e agenti patogeni: alcool, cloro, sali quaternari di ammonio e perossido di idrogeno.

L’alcol

L’alcol è un solvente naturale. È il risultato di un processo di decomposizione degli zuccheri.

In quanto solvente quando viene a contatto con virus e batteri ne modifica la struttura chimica degli enzimi e delle proteine rendendole inefficaci e portandole alla morte. La molecola in questione è in grado di uccidere la gran parte degli agenti patogeni ad esclusione di qualche spora. La sua molecola chimica è CH3CH2OH è una catena lineare alcalina.

Fra i più diffusi prodotti a base alcolica c’è l’igenisan: sanificante e igienizzante multiuso. Specifico per la pulizia spray quotidiana di arredi, scrivanie e tutte le superfici dure lavabili. Pulisce ed igienizza le superfici trattate ed asciuga rapidamente e garantisce un elevato grado di sanificazione, grazie all’azione combinata di alcool isopropilico e sali quaternari di ammonio. Ideale per la pulizia e la sanificazione di tutte le superfici lavabili.

L’alcor Kiter

Ovvimente l’altro prodotto a base alcolica più usato è L’alcor della Kiter è fortemente disinfettante e sgrassante,  uccide funghi, batteri e virus ed è adatto alla disinfezione e pulizia di attrezzature e tutti i tipi di superfici. L’alcor è indicato sia per strutture ospedaliere che per le cliniche, strutture pubbliche e private, scuole e mezzi pubblici. Alcor disinfettante è idoneo per il settore alimentare in quanto è certificato Haccp. Inoltre è un presidio medico chirurgico.

Cloro

Dalla candeggina alle piscine, il cloro è fra i più diffusi composti chimici disinfettanti perchè fortemente ossidante. Quando gli enzimi o le proteine di virus e batteri entrano in contatto con gli ipocloriti (acqua a cui è stato aggiunto del cloro) gli idrogeni di cui sono composti vengono sostituiti con il cloro, distruggendo il funzionamento degli stessi enzimi. Il processo di scissione della molecola nell’acqua produce uno ione di Cloro (Ci-) e due di Ossigeno (O2-) entrambi gli atomi uccidono gli elmenti patogeni.

Il cloro è preferibile quando oltre alla sanificazione abbiamo l’obbiettivo di pulire le macchie e sbiancare.

Il più celeberrimo prodotto a base di cloro è il cloroactive ideale per la pulizia e la sanificazione di pavimenti, superfici lavabili e sanitari.

Sali quaternari di ammonio

L’ammonio quaternario è un catione organico. Un atomo di azoto ha 4 legami con sostituenti organici R. La differenza sostanziale per la quale è impiegato si può trovare nel fatto che non è particolarmente acido a differenza degli altri ioni di ammonio.

Ha particolari facoltà che vanno oltre alla disinfezione e per questo è usato nelle sanificazioni: effetti tensioattivi, ammorbidenti e agenti antistatici (lo troviamo in alcuni shampoo).

Ha inoltre una particolare efficacia antimicotica.

Molti sono i prodotti ai sali quaternari di ammonio fra cui: lo Spitz, della kiter, per la sanificazione dei sanitari e i pavimenti.

Perossido di idrogeno

Il perossido di idrogeno è il più diffuso perossido in commercio e la sua composizione è elmentare: Due idrogeni e due atomi di ossigeno H2O2. Fu sintetizzato nel 1818 da Louis Jacques Thénard. Le sue proprietà ossidanti dipendono dalla concentrazione del perossido nell’acqua.

É più ossidante del cloro e poco medo dell’ozono. Può essere usato in tutti i mezzi: aria, acqua, acque reflue e terreno. Ha forti proprietà smacchianti, infatti il suo primo utilizzo fu per scolorire i capelli.

Un ottimo prodotto che si basa sul perossido di idrogeno è l’Oxigres, per pulire e sanificare i pavimenti in particolare di Gress e Gress porcellato.